ATTENZIONE:RUBATA GIOVEDI 21/6 ALLE ORE 21:15 A FELETTO (TO) ALFA ROMEO ALFETTA PRIMA SERIE DEL 1973 TARGATA CB 220476 BLU OLANDESE TELAIO AR 202055 MOTORE AR 160815632
[ img ]

Gli utenti che non si presentano e a zero messaggi saranno cancellati entro 7 giorni dalla iscrizione

attrezzature ed impianti per cantieri

Giulio84
Messaggi: 2613
Iscritto il: 15 mar 2013 20:12:15
Località: Torino

attrezzature ed impianti per cantieri

Messaggioda Giulio84 » 20 mar 2013 16:35:09


Avatar utente
giuliasuper69
Messaggi: 7422
Iscritto il: 13 mar 2013 16:07:33
Località: Palermo

Messaggioda giuliasuper69 » 02 apr 2013 17:31:13

Gruppo elettrogeno Alfa 430
[ img ]

Avatar utente
giuliasuper69
Messaggi: 7422
Iscritto il: 13 mar 2013 16:07:33
Località: Palermo

Messaggioda giuliasuper69 » 19 apr 2013 16:06:21

Schiacciasassi Gola_Alfa Romeo
[ img ]

Avatar utente
Diego
Messaggi: 1319
Iscritto il: 12 mar 2013 17:27:20
Località: Su un'Alfa..

Messaggioda Diego » 18 nov 2013 17:51:26

Qualcuno ha qualche notizia in merito a queste due macchine?

1 (10).jpg


1 (31).jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
giuliasuper69
Messaggi: 7422
Iscritto il: 13 mar 2013 16:07:33
Località: Palermo

Messaggioda giuliasuper69 » 18 nov 2013 18:56:33

La seconda è l'Ansaldo-Alfa Romeo TCA70 un trattore costruito secondo gli schemi dei carri armati,foto di un esemplare giunto ai giorni nostri con dettaglio del motore lo trovi qui
http://www.informatoreagrario.it/ita/ri ... /41-44.pdf
Aggiungo che questi mezzi venivano realizzati presso la Ansaldo di Genova,motorizzati Alfa e dulcis in fundo ti farà piacere sapere che il carro così come i cingoli di chiara derivazione militare venivano prodotti presso le fonderie di Cogne.

Avatar utente
giuliasuper69
Messaggi: 7422
Iscritto il: 13 mar 2013 16:07:33
Località: Palermo

Messaggioda giuliasuper69 » 18 nov 2013 19:14:29

Per quanto riguarda il mezzo della prima foto non saprei se trattasi di un Ansaldo o di un prodotto di qualche altra azienda del gruppo Iri,posso solo dire che alcuni motori diesel derivati da quelli dei camion Alfa furono utilizzati da aziende del gruppo per un periodo compreso tra la fine degli anni 30 e i primi anni 60,sfruttando le sinergie tra i marchi.Il mezzo in foto monta un motore a 4 cilindri tipo 1625 derivato dall'autocarro 450,di più non so

Avatar utente
Diego
Messaggi: 1319
Iscritto il: 12 mar 2013 17:27:20
Località: Su un'Alfa..

Messaggioda Diego » 18 nov 2013 19:44:56

Molto interessante! Grazie :)

Giulio84
Messaggi: 2613
Iscritto il: 15 mar 2013 20:12:15
Località: Torino

Messaggioda Giulio84 » 19 nov 2013 16:17:18

Vi ricordo che nel 1933 entrò nell'orbita IRI anche la Motomeccanica di Milano con sede in via Oglio, ex Tolotti e Pavesi (tolotti si ritirò nel 1919 mentre Pacvesi nel 1925) che operava nei settori di produzione delle macchine agricole, delle perforatrici e atrezzature industriali ...

per capirci la motomeccanica su licenza fiat nel 1931 produsse il primo trattore utilitario italiano chiamato Balilla, ma dal 1933 passò sotto definitivamente sotto il diretto controllo dell'IRI, così come molte altre fabbriche milanesi.
E proprio dell’Alfa la Motomeccanica assunse alcune rappresentanze fin dal 1934, condividendo rete commerciale e ritrovati tecnici. L’azienda si concentrò sui trattori a due ruote motrici, studiando la riduzione dei consumi ed ottenendo, per la qualità dei prodotti, l’approva-zionedell’Istituto Sperimentale di Meccanica Agraria annesso all’Università di Milano.
Nel 1946, la Motomeccanica divenne una società per azioni sempre nell’orbita dell’IRI, ma dovette subire le conseguenze organizzative ed occupazionali di una politica industriale che tendeva a concentrare la produzione meccanica per il mercato agricolo nelle mani dell’industria privata. Ciò dette luogo ad un lungo periodo di rivendicazioni e lotte sindacali anche aspre fino alla fine degli Anni Cinquanta, di cui si parlò anche alla Camera dei Deputati insieme all’analoga situazione dell’Alfa Romeo.

Sarà quest’ultima, infine, ad assorbire quanto rimaneva del capitale umano e tecnologico di un’azienda con un lungo e validissimo curriculum produttivo, operando però un semplice “salvataggio” dei destini umani dei lavoratori. Il loro capitale di conoscenze si disperse nelle strutture di una ben diversa industria automobilistica.

La Motomeccanica fu messa in liquidazione nel 1966.

Fiera di Milano - Campionaria 1936 - Tettoie dell'edilizia - Stand di La Motomeccanica
foto: Ancillotti & Martinotti

[ img ]


vi segnalo che moltissime attrezzature per i sondaggi preventivi ed i cantieri della linea uno della metropolitana di Milano furono appunto forniti da questa azienda, come questa foto già pubblicata nel forum nella sezione dei camion serie 400 dimostra:

[ img ]

Avatar utente
Diego
Messaggi: 1319
Iscritto il: 12 mar 2013 17:27:20
Località: Su un'Alfa..

Messaggioda Diego » 20 nov 2013 16:48:52

Come sempre grazie Giulio, molto interessante!

giuliasuper69 ha scritto:ti farà piacere sapere che il carro così come i cingoli di chiara derivazione militare venivano prodotti presso le fonderie di Cogne

Mi permetto una piccola divagazione, che tra l'altro di Alfa ha proprio nulla.

A Cogne si trovavano le miniere, l'acciaieria si chiama Cogne, ma si trova nel pieno centro città di Aosta.
E’ ancora oggi un polo produttivo determinante per la nostra economia, basti pensare che nonostante l’incertezza del settore un posto di lavoro in stabilimento è visto tutt’ora come un traguardo da molti lavoratori.
Lo sottolineo non per pignoleria nei confronti di un Giorgio che ad Aosta ha la cittadinanza onoraria e queste cose le sa bene, ma esclusivamente per far capire che per vivere situazioni come quelle di Taranto non serve spingersi fino al tanto disprezzato meridione.

Ha sfamato molte generazioni, Aosta vi é cresciuta intorno e questa acciaieria per l’aostano ormai fa parte dell’arredamento urbano, fumi variopinti hanno sempre accompagnato la mia infanzia e l’ingenua curiosità infantile ha lasciato via via posto a molteplici interrogativi.

[ img ]

Nessuno si pone domande, ma tutti hanno imparato a convivere distrattamente con gli sbuffi arancioni delle ciminiere e con gli scarti di lavorazioni utilizzati nelle costruzioni delle vecchie case, da noi in cantiere nelle ristrutturazioni, dalla classe politica priva di ricambio dal dopoguerra, ai cittadini privi ormai di ogni sensibilità civica.

Cosa mi può far pensare che a Taranto si e ad Aosta in Cogne Acciai Speciali no, essendo stato lo stabilimento in mano alla filiera Ilva ed oggi a privati?
Si dice che l’ignoranza sia beata, ma le numerose patologie che stanno accompagnando le ultime generazioni imporrebbero quanto meno di porsi delle domande. Io ci provai, purtroppo invano.

Perdonate il fuori tema.

Avatar utente
giuliasuper69
Messaggi: 7422
Iscritto il: 13 mar 2013 16:07:33
Località: Palermo

Messaggioda giuliasuper69 » 20 nov 2013 17:00:32

Giuste e amare considerazioni.Doverosa anche la precisazione per quanto ho detto in effetti siamo passati più volte li davanti e mi hai parlato delle acciaierie che sono appunto ad aosta e non a Cogne :wink:

Giulio84
Messaggi: 2613
Iscritto il: 15 mar 2013 20:12:15
Località: Torino

Re: attrezzature ed impianti per cantieri

Messaggioda Giulio84 » 16 mag 2015 21:57:50

PUBBLICITA' LA MOTOMECCANICA S.A. LAVORI STRADALI SPACCAPIETRE GRANULATORE 40.JPG
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Giulio84
Messaggi: 2613
Iscritto il: 15 mar 2013 20:12:15
Località: Torino

Re: attrezzature ed impianti per cantieri

Messaggioda Giulio84 » 16 mag 2015 21:58:12

$_57 (182).JPG
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Avatar utente
giuliasuper69
Messaggi: 7422
Iscritto il: 13 mar 2013 16:07:33
Località: Palermo

Re: attrezzature ed impianti per cantieri

Messaggioda giuliasuper69 » 29 giu 2018 11:55:00

compressori.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Torna a “Varie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite